Il Chiostro Maiolicato di Santa Chiara il 19 giugno, a partire dalle ore 17.30 apre le sue porte alla “Festa Internazionale della Musica” che quest’anno ha come tema “Recovery Sound e Green Music Economy” e gli obiettivi sono sia la ripartenza del settore musicale sia l’attenzione e il rispetto per l’ambiente.
L’iniziativa “Musica nel Chiostro” è curata dal Complesso Monumentale di Santa Chiara e dall’Associazione Culturale Musicale “Cantate Domino” che, con il coro “Mirabilia Vocis” e musicisti professionisti, sin dal 2008 è attiva nel campo della promozione del patrimonio culturale musicale con all’attivo numerosi concerti nelle basiliche più rappresentative di Napoli.
Alle ore 17.30, negli ambienti più significativi del Complesso, risuoneranno le note di repertorio classico e contemporaneo. I musicisti animeranno il luogo con diversi stili musicali: nel chiostro le corde del violino spazieranno dall’ “Aria sulla IV Corda” di Bach a “C’era una volta il West” di E. Morricone, passando per la “Serenata” di Schubert e il “Te deum” di Charpentier, accompagnati dai fiati dei flauti e il tocco delle percussioni (700) sulle note della “Tarantella Antitotum” e al “Duetto dalle 6 sonate” di Teleman; nel museo la chitarra accompagnerà la voce del tenore Davide Chiodo che intonerà l‘intramontabile “Munasterio e’ Santa Chiara (di A. Barberis) e la commuovente “Caruso” di Lucio Dalla. Nel Refettorio risuoneranno le melodie del repertorio classico sacro come lo “Stabat Mater”, il “Facut Ardeat” e “Quando Corpus morietur”, “Amen”.
Alle ore 19.30, presso la Sala Maria Cristina, il coro Polifonico “Cantate Domino” (Mirabilia Vocis) diretto dal M° Daniela Michela di Monaco e composto da 25 elementi, proporrà il Concerto di musica classica napoletana, con due soprani partenopei: il M° Rosaria Ceci e il M° Aminta De Luca. Un contributo culturale intenso che farà risuonare la cultura tra le colonne ogivali e rendere ancora più vivi i colori delle pareti affrescate con il tocco di armoniose melodie come le intramontabili “O sole mio”, “Lu Cardillo”, “Reginella”, “Torna a Surriento” e tante altre.
Il complesso sarà aperto dalle ore 10 con chiusura prorogata eccezionalmente alle ore 19. Per l’accesso al concerto finale è necessario l’acquisto del biglietto online su www.monasterodisantachiara.it/musica-nel-chiostro/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il Chiostro Maiolicato di Santa Chiara il 19 giugno, a partire dalle ore 17.30 apre le sue porte alla “Festa Internazionale della Musica” che quest’anno ha come tema “Recovery Sound e Green Music Economy” e gli obiettivi sono sia la ripartenza del settore musicale sia l’attenzione e il rispetto per l’ambiente.
L’iniziativa “Musica nel Chiostro” è curata dal Complesso Monumentale di Santa Chiara e dall’Associazione Culturale Musicale “Cantate Domino” che, con il coro “Mirabilia Vocis” e musicisti professionisti, sin dal 2008 è attiva nel campo della promozione del patrimonio culturale musicale con all’attivo numerosi concerti nelle basiliche più rappresentative di Napoli.
Alle ore 17.30, negli ambienti più significativi del Complesso, risuoneranno le note di repertorio classico e contemporaneo. I musicisti animeranno il luogo con diversi stili musicali: nel chiostro le corde del violino spazieranno dall’ “Aria sulla IV Corda” di Bach a “C’era una volta il West” di E. Morricone, passando per la “Serenata” di Schubert e il “Te deum” di Charpentier, accompagnati dai fiati dei flauti e il tocco delle percussioni (700) sulle note della “Tarantella Antitotum” e al “Duetto dalle 6 sonate” di Teleman; nel museo la chitarra accompagnerà la voce del tenore Davide Chiodo che intonerà l‘intramontabile “Munasterio e’ Santa Chiara (di A. Barberis) e la commuovente “Caruso” di Lucio Dalla. Nel Refettorio risuoneranno le melodie del repertorio classico sacro come lo “Stabat Mater”, il “Facut Ardeat” e “Quando Corpus morietur”, “Amen”.
Alle ore 19.30, presso la Sala Maria Cristina, il coro Polifonico “Cantate Domino” (Mirabilia Vocis) diretto dal M° Daniela Michela di Monaco e composto da 25 elementi, proporrà il Concerto di musica classica napoletana, con due soprani partenopei: il M° Rosaria Ceci e il M° Aminta De Luca. Un contributo culturale intenso che farà risuonare la cultura tra le colonne ogivali e rendere ancora più vivi i colori delle pareti affrescate con il tocco di armoniose melodie come le intramontabili “O sole mio”, “Lu Cardillo”, “Reginella”, “Torna a Surriento” e tante altre.
Il complesso sarà aperto dalle ore 10 con chiusura prorogata eccezionalmente alle ore 19. Per l’accesso al concerto finale è necessario l’acquisto del biglietto online.

ACQUISTA IL TUO BIGLIETTO

Domenica 19 Giugno ore 19:30

I commenti sono chiusi.